Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cerca

COMUNICATO DEGLI ORGANIZZATORI DELLA PEDALATA SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA. OLTRE 20 PARLAMENTARI HANNO ADERITO ALL'INIZIATIVA PATROCINATA ANCHE DAL MINISTERO DELLA DIFESA CHE SCATTERÀ NELLA MATTINATA DI DOMENICA 3 SETTEMBRE DA VERONA

Roma

Il gruppo è pronto, domenica 3 settembre, alle ore 11.35, il treno storico a vapore partirà dalla stazione di Verona Porta Nuova per un viaggio ricco di significati e di valori storici e culturali che porterà il gruppo di intrepidi pedalatori ad attraversare i luoghi dove un secolo fa si è fatta l'Italia sino a raggiungere Trieste.

  E' già il momento del conto alla rovescia, dunque, per la Pedalata sui luoghi della Grande Guerra promossa dal Sen. Michelino Davico (FDL) e patrocinata dal Ministero della Difesa, che ha riscosso l'adesione di una ventina di parlamentari e di un folto gruppo di cicloturisti e cicloamatori.

  IL VIAGGIO IN 4 TAPPE - Quattro giorni e altrettante tappe caratterizzeranno quello che i media hanno già ribattezzato come "il Grande Viaggio" e che sarà realizzato grazie al sostegno della Fondazione Ferrovie dello Stato, oltre che di alcuni appassionati imprenditori come Eurostampa, TreColli e Selle Italia; dopo il saluto delle autorità e degli Alpini a Verona, il primo giorno trascorrerà a bordo del treno storico all'interno del quale si terrà anche la conferenza stampa di presentazione del viaggio. Prima dell'approdo a Levico Terme (Trento) è in programma una fermata densa di suggestioni e ricordi a Bassano del Grappa (Vicenza) nel corso della quale la carovana farà visita al ponte vecchio sul fiume Brenta e renderà omaggio ai caduti con una Cerimonia che si terrà all'interno dell'Ossario della cittadina situata alle pendici del Monte Grappa.

  Il giorno seguente, dopo la visita al Forte Busa Verle sull'Altopiano di Vezzena, il gruppo dei pedalatori si ritroverà al Sacrario Militare di Asiago dove, dopo una breve visita e la cerimonia di rito prenderà il via la vera e propria pedalata. Saranno ben 90 i chilometri da affrontare in bicicletta per raggiungere Belluno: la prima parte tutta disegnata lungo le strade dell'Altopiano di Asiago attraverso gli abitati di Gallio, Foza ed Enego per poi scendere a Primolano e, dopo la sosta di Arsiè, proseguire lungo il Fiume Piave e raggiungere il traguardo di giornata.

  La seconda tappa di 100 chilometri, invece, collegherà altre due città simbolo della Grande Guerra: da Vittorio Veneto, teatro dell'ultima battaglia su territorio italiano della Prima Guerra Mondiale fino a Cividale del Friuli, che fu modellata per fare spazio all'attraversamento dei mezzi che andavano al fronte e poi costretta a subire una emigrazione di massa a seguito della sconfitta di Caporetto. Nel mezzo ci sarà il tempo per ricordare la figura di Pierpaolo Pasolini a Casarsa della Delizia (Pordenone) e per onorare i caduti nel cuore di Udine, Capitale della Guerra.

  Per l'intenso epilogo, la carovana sconfinerà in territorio Sloveno: mercoledì 6 settembre infatti si partirà da Caporetto, dove, grazie al Museo della Grande Guerra si potranno rivivere i fatti salienti della sconfitta dell'esercito italiano e dove i pedalatori ricorderanno i tanti soldati, di uno e dell'altro schieramento, che su quelle montagne persero la vita per un ideale. Da Caporetto si scenderà a Gorizia da dove si ripartirà, dopo una breve sosta, per raggiungere il Sacrario di Redipuglia e proseguire, attraverso Monfalcone, fino a Trieste. Qui, in Piazza Unità d'Italia sarà il momento delle celebrazioni e dei saluti finali per gli attori protagonisti di un viaggio che vuole rendere vivo e attuale il ricordo di quanto accadde 100 anni fa, riportando alla mente i momenti più intensi, i drammi, gli ideali e le cicatrici che il primo conflitto mondiale portò con sè.

  PASSATO E FUTURO - Ad accompagnare il gruppo di appassionati e pedalatori che daranno vita al viaggio nei luoghi della Grande Guerra ci saranno tanti personaggi del mondo civile e di quello sportivo ma anche tanti amici e sostenitori che, anche solo per un breve tratto di strada, si uniranno al plotone per condividere il gusto di pedalare insieme non solo per ricordare il passato ma anche per portare un messaggio rivolto al futuro. Un messaggio di pace al quale sarà legata anche la campagna #salvaciclisti grazie alla presenza dell'Avv. Patrich Rabaini e di Marco Cavorso che consegneranno ai primi cittadini dei Comuni attraversati dalla pedalata un cartello per sensibilizzare l'attenzione degli automobilisti sulla distanza laterale da tenere dalle biciclette in fase di sorpasso: 1,5 metri di distanza che potrebbero salvare tante delle vittime che ogni giorno si registrano sulle strade italiane.

  "Siamo ormai alla vigilia di una nuova avventura e, come tutti i viaggi, porta con sè tante speranze e tante aspettative. So che lo staff organizzatore ha fatto del proprio meglio affinchè tutto riesca nel migliore dei modi e sono certo che sarà una pedalata ricca di emozioni per tutti coloro che vi prenderanno parte e anche per coloro che incroceremo lungo la strada" ha commentato il Sen. Michelino Davico. "Il percorso che abbiamo disegnato è tra i più belli in assoluto ma, soprattutto, è ricco di luoghi significativi che ci permetteranno di rivivere sul territorio quello che è stato veramente il primo conflitto mondiale. Il messaggio che vogliamo portare è un messaggio di pace tra i popoli in uno dei momenti più difficili e travagliati della nostra storia nazionale: ricordare i drammi che si sono vissuti un secolo fa non può che metterci in guardia dal sostenere nuovi e sempre pericolosi estremismi. A questo si aggiunge la campagna legata alla #salvaciclisti che, oltre ad essere un disegno di legge, vuole essere una battaglia culturale per consentire a ciascuno di noi la libertà di andare su strada con maggiore tranquillità e sicurezza scegliendo il mezzo che più ci piace. Il ritrovo è fissato, il treno è pronto, non mi resta che augurare a tutti un buon viaggio!"

  Il programma della Pedalata sui luoghi della Grande Guerra:

  Domenica 3 Settembre 2017

Prologo in treno – VERONA – LEVICO TERME (175 km)

Ore 10.00 – Ritrovo presso la Stazione di Verona Porta Nuova

Ore 11.35 – Partenza dalla Stazione di Verona Porta Nuova

Ore 13.40 – Arrivo a Bassano del Grappa

Ore 14.30 – Cerimonia presso l’Ossario di Bassano del Grappa (Vi)

Ore 15.40 – Partenza dalla Stazione di Bassano del Grappa (Vi)

Ore 17.46 – Arrivo a Levico Terme (Tn)

Ore 21.00 – Serata di approfondimento storico-culturale

  Lunedì 4 Settembre 2017

1^ Tappa – ASIAGO – BELLUNO (90 km)

Ore 7.30 – Partenza da Levico Terme (Tn) e trasferimento ad Asiago (Vi) attraverso la strada del Menador con visita al forte Busa Verle al Passo Vezzena

Ore 9.30 – Visita al Sacrario di Asiago – Asiago (Vi)

Ore 11.00 – Partenza in bicicletta da Asiago (Vi)

Ore 13.00 – Passaggio sulla tagliata della Scala a Primolano e sosta ad Arsiè

Ore 17.00 – Arrivo a Belluno

Ore 21.00 – Serata di approfondimento storico-culturale

  Martedì 5 Settembre 2017

2^ Tappa – VITTORIO VENETO – CIVIDALE DEL FRIULI (100 km)

Ore 7.30 – Partenza da Belluno e trasferimento a Vittorio Veneto (Tv)

Ore 8.30 – Raduno e commemorazione a Vittorio Veneto (Tv)

Ore 9.30 – Partenza in bicicletta da Vittorio Veneto (Tv)

Ore 11.40 - Sosta a Casarsa della Delizia (Pn)

Ore 14.30 – Sosta ad Udine – Capitale della guerra

Ore 16.30 – Arrivo in bicicletta a Cividale del Friuli (Ud)

Ore 21.00 – Serata di approfondimento storico-culturale

  Mercoledì 6 Settembre 2017

3^ Tappa – CAPORETTO – TRIESTE (110 km)

Ore 7.30 – Partenza da Cividale del Friuli e trasferimento a Caporetto (Slo)

Ore 8.00 – Visita al Museo e momento ufficiale al Sacrario di Caporetto (Slo)

Ore 9.45 – Partenza in bicicletta da Caporetto (Slo)

Ore 11.50 – Arrivo e celebrazioni a Gorizia

Ore 13.45 - Commemorazione al Sacrario di Redipuglia e Monfalcone

Ore 17.30 – Arrivo in bicicletta a Trieste

Ore 18.00 – Cerimonia ufficiale di conclusione del viaggio

 

In allegato: foto del Sacrario Militare di Asiago

Photo Credits: Riccardo Scanferla - www.photors.it

 

FacebookTwitter