Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cerca

BIKE TOUR MEDITERRANEO, UNA SETTIMANA TRA MARE E PEDALATE INSIEME AL MITICO FRANCESCO MOSER. INIZIATA LA CROCIERA MSC TRA ITALIA, GRECIA, MONTENEGRO E CROAZIA.

E' STATA REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE CORRIDORI CICLISTI PROFESSIONISTI ITALIANI PER SENSIBILIZZARE AL TEMA DELLA SICUREZZA DI CHI PEDALA

Mestre (Venezia)

E' partita oggi (sabato 4 novembre) da Genova l’ottava edizione della "Bike Tour Mediterraneo - a bordo con Francesco Moser", crociera della "Msc Armonia", con organizzazione tecnica dell’ agenzia Clipper di Mestre che coinvolgerà oltre all'Italia, Grecia, Montenegro e Croazia e toccherà i porti di Civitavecchia, Corfu, Kotor e Spalato per chiudersi a Venezia venerdì 10 novembre. Si tratta di un appuntamento, realizzato con il supporto di Fantic Motor, Cantina Moser, Clipper, UnipolSai PadovAssicura, Smania Idea Casa, Victory, Asd Lions Team, Terra dei Tiepolo e Sappada, ormai divenuto tradizione per gli appassionati della bicicletta che vogliono abbinare il gusto della scoperta di nuovi paesaggi al piacere di pedalare. Sono quaranta i croceristi che, o con bici muscolare o con bici elettrica (fornita da Fantic) quest’anno pedaleranno accanto al mitico Checco Moser.

   Una novità importante dell’edizione 2017 di "Bike Tour Mediterraneo" riguarda la collaborazione con Accpi, l’ Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione denominata "#tifatecierispettateci". Sui completi realizzati per l’occasione da Mem di Castelfranco Veneto (Treviso), infatti, sono stati posti degli inserti fluo (sulla manica e su i pantaloncini) e il logo a forma di rombo che richiama alla distanza di sicurezza, di 1.5 metri, che gli automobilisti dovrebbero tenere quando sorpassano una bicicletta, nella parte posteriore della maglia. E ancora, una scritta fluo riportata nella parte posteriore dei pantaloncini, "Attention Cyclist". Tutti elementi studiati per rendere il ciclista maggiormente riconoscibile sulla strada anche in caso di scarsa visibilità.

  "Mai come in questo momento serve una presa di posizione forte per difendere i ciclisti dalle insidie della strada, un’azione forte che tarda ad arrivare in Italia nonostante i tanti corridori che ogni anno sono vittime dell’asfalto - ha sottolineato Christian Salvato, presidente di Accpi - . Per questo come associazione appoggiamo tutte le iniziative che vanno in questa direzione e volentieri abbiamo accolto l’invito degli amici di Bike Tour Mediterraneo".

  "Dobbiamo assolutamente inventarci qualcosa per difenderci dalle macchine che ti sfiorano invece di tenere le distanze quando ti sorpassano - ha rilevato dal canto suo Francesco Moser - . Occorre che la cultura in questo ambito diventi patrimonio condiviso".

  Dopo l’incidente mentre lavorava nei campi con il trattore, lo "Sceriffo" del ciclismo mondiale è pronto a salire di nuovo in sella. "Mi sto riprendendo dall’infortunio - ha concluso Moser - . La gamba mi fa ancora un po’ male ma in queste settimane, grazie all’e – bike di Fantic, sono comunque riuscito a pedalare su e giù per il maso. Sono pronto per 'Bike Tour Mediterraneo, un’occasione per fare sport e scoprire ambienti meravigliosi".

  Ad accoglierlo al suo rientro dalla crociera al Porto di Venezia l’amico e grande sostenitore, Bruno Carraro degli Azzurri d'Italia.

Francesco Coppola

FacebookTwitter