Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cerca

VENEZIA PREMIATA DAL MINISTERO DELL'AMBIENTE PER L' INNOVAZIONE E SOSTENIBILITÀ NEI PERCORSI CASA-SCUOLA E CASA-LAVORO. DE MARTIN: UN ALTRO MILIONE DI EURO A VANTAGGIO DELLA CITTÀ

Venezia

La Città di Venezia è tra le 37 selezionate dal Ministero dell’Ambiente per ricevere il sostegno del "Programma sperimentale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro", superando la concorrenza di 114 progetti presentati da 483 Enti locali e aggiudicandosi così un finanziamento da 1 milione di Euro.

  L'Amministrazione comunale, nello scorso gennaio, ha partecipato con il progetto "Venezia in Classe A", che si propone di offrire delle opportunità di intervento e di promozione della mobilità a ridotte emissioni negli ambiti interessati dagli spostamenti sistematici, sviluppando in parallelo due linee di azione, una dedicata alle scuole e l'altra dedicata agli enti/aziende presenti sul territorio.

  Il primo obiettivo è di mettere in sicurezza i percorsi casa-scuola di almeno 12 scuole primarie della terraferma comunale e delle isole di Lido e Pellestrina, di allontanare le auto dagli ingressi scolastici e di favorire gli spostamenti a piedi o in bicicletta attraverso attività di sensibilizzazione e coinvolgimento delle famiglie e di laboratori di progettazione partecipata.

  Per quanto riguarda i percorsi casa-lavoro, verrà promossa l'adozione dei "piani degli spostamenti" nelle aziende che non lo hanno ancora sviluppato e verranno co-finanziati acquisti sostenibili - biciclette, e-bike, abbonamenti al trasporto pubblico, spostamenti in car pooling - attraverso buoni della mobilità per i dipendenti delle aziende virtuose. Verranno inoltre organizzate iniziative di formazione, di servizi di info-moblità e verranno realizzate alcune velostazioni per favorire l'interscambio bicicletta-mezzi pubblici.

  Con l'attuazione del progetto saranno, inoltre, realizzati nuovi percorsi ciclo-pedonali per risolvere attuali situazioni di rischio per gli utenti deboli e per collegare meglio il territorio. L'Amministrazione ha identificato come prioritario il collegamento tra l'abitato di Dese e il centro di Favaro Veneto, lungo la via Altinia, attualmente sprovvisto di qualsiasi percorso pedonale o ciclabile.

  "Questo riconoscimento che arriva alla Città di Venezia direttamente dal Ministero dell'Ambiente - ha osservato l'assessore all'Ambiente, Massimiliano De Martin - ci rende orgogliosi e certifica come la Giunta Brugnaro stia mettendo in atto ogni possibile iniziativa per ridurre i livelli di inquinanti nell'aria. Un'ulteriore attestazione di merito in tema ambientale dopo quello riconosciuto dal Rapporto ISPRA sulla raccolta differenziata, nel quale emerge l'eccellenza veneziana sul tema".

  "Voglio ringraziare tutti i dipendenti e collaboratori che si sono impegnati per ottenere questo risultato - ha proseguito l'assessore alla Mobilità, Renato Boraso - in particolare e le Direzioni Progetti Strategici, Ricerca Fonti di Finanziamento e Politiche Comunitarie, Mobilità e Trasporti e Lavori Pubblici. È la dimostrazione che se si lavora in squadra si riescono a ottenere risultati a livello nazionale, che si traducono in vantaggi per la città e i suoi abitanti. Il finanziamento stanziato dal Ministero sarà integrato con quello del Comune di Venezia attraverso i l Programma PON Metro per un totale complessivo di 1,9 milioni".

F.C.

FacebookTwitter