Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cerca

SABATO 2 DICEMBRE A SANTA MARIA DI SALA IN RICORDO DELL'AZZURRA CHIARA PIEROBON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "L'AZZURRO VA OLTRE IL DESTINO" REALIZZATO DA GIAN MARCO MUTTON

Santa Maria di Sala (Venezia)

Sabato 2 dicembre, con inizio alle ore 16.30, presso la Sala Teatro Sandro Pertini nella splendida cornice di Villa Farsetti, a Santa Maria di Sala, in provincia di Venezia, sarà presentato il libro in ricordo dell'azzurra Chiara Pierobon dal titolo "L'Azzurro va oltre il destino" realizzato da Gian Marco Mutton.

  La giovane ciclista, scomparsa prematuramente il primo agosto 2015 a soli 22 anni mentre si recava a disputare una corsa valida per la Coppa del Mondo a Ingolstadt, in Germania e quindi ai Campionati Europei di Taru, viene ricordata in questa biografia prettamente sportiva. L'autore, ricercatore storico e scrittore, ha immortalato e descritto dettagliatamente quegli eventi che hanno indotto, caratterizzato e portato Chiara ad essere tale. Il tutto corredato da significative foto che ritraggono la giovane salese nel corso di tutta la sua vita ciclistica: dalla categoria giovanissimi fino al professionismo.

  "Inoltre - ha precisato l'autore dell'opera - c'è anche lo scopo di far capire chi era veramente questa giovane atleta dalle ottime capacità ciclistiche con l'intento di trasmettere la passione per il ciclismo e per lo sport in sé alle generazioni più giovani".

  L'evento è stato organizzato dal Comune di Santa Maria di Sala con la collaborazione dell'autore, della famiglia della ciclista e da Stefano Franco, ex direttore sportivo di Chiara e tecnico e scopritore di tanti talenti, tra le quali la pluricampionessa mondiale ed europea Letizia Paternoster. L'ingresso è libero.

Francesco Coppola

 

FacebookTwitter